"Quando il delitto è arte" di Tiziana Viganò. Recensione di Fiorenza Pistocchi


Il capitano dei Carabinieri Adelio Rusconi, immalinconito e frustrato per una storia sentimentale ormai finita e privo di stimoli professionali, a quarantaquattro anni si trova a un punto morto della carriera. Che cosa può restituirgli la motivazione a occuparsi di crimini e a rinnovare le energie?

Un delitto, forse, ma non uno qualsiasi, un delitto efferato, un mistero sconvolgente che ricalca uno schema preciso, quasi maniacale.

Rusconi comprende di avere a che fare con un serial killer, che dispone le sue vittime come le modelle ritratte da artisti famosi in alcuni quadri e sculture altrettanto rinomati. La bellezza delle vittime rende ancora più inquietante l'indagine e turba il capitano e i suoi collaboratori.

Il killer semina messaggi di sfida e accompagna i delitti con la presenza di fiori, il cui linguaggio, una volta interpretato e collegato, fornisce una chiave di lettura della vicenda al capitano, per ricostruire moventi e situazioni.

Inutile dire che il bravo investigatore, che si avvale di una squadra di fedelissimi ed efficienti sottoposti, riuscirà a dipanare l'intrecciata e complessa matassa e a scoprire il colpevole, tuttavia il finale a sorpresa lo lascerà con l'amaro in bocca.

Viene aiutato da una bella anatomopatologa della quale in passato è stato innamorato e da una psicologa della quale potrebbe innamorarsi. Ma la sofferenza che sfiora mentre indaga lo lascia di nuovo in dubbio se continuare a lavorare a casi tanto inquietanti.

Ci congediamo da lui, perplesso, ma convinto che un viaggio e una vacanza lontano dal solito ambiente gli ridaranno la voglia di rimettersi in gioco, professionalmente e sentimentalmente.


Tiziana Viganò, l'autrice, conduce il lettore passo dopo passo nel cuore dell'indagine e nella mente del capitano, così come in quella dell'assassino. Utilizza un linguaggio accessibile e quasi pittorico, in alcuni passaggi, che rende gradevole la lettura, nonostante il "peso emotivo" delle tematiche che tocca e approfondisce. Si sente la sensibilità e la competenza di chi ben conosce le dinamiche psicologiche umane. Si percepisce ugualmente la passione per l'arte e per i fiori. Rimaniamo con la curiosità di conoscere nuove avventure del bel capitano Rusconi, che sicuramente troverà, anche in vacanza, qualche mistero su cui indagare.


Quando il delitto è arte

di Tiziana Viganò

genere: giallo, noir

editore: Golem Edizioni, 2021

pagine 201

link all'acquisto Amazon



 SEARCH BY TAGS: